Negoziazione assistita

La negoziazione assistita si basa sull’idea di semplificare e rendere flessibili le procedure, ridurre i tempi e i costi del procedimento…

Negoziazione assistita
faq

 

le risposte

alle

domande

piu’ frequenti

La negoziazione assistita rientra tra gli strumenti di risoluzione alternativi delle controversie, noti come Alternative Dispute Resolution (ADR), che mirano a risolvere le dispute al di fuori del processo giudiziario, tramite il raggiungimento di un accordo stragiudiziale.

Questo approccio si basa sull’idea di semplificare e rendere flessibili le procedure, ridurre i tempi e i costi del procedimento e adattare la soluzione della controversia alle specifiche caratteristiche di ciascun caso.

A differenza della mediazione, che focalizza l’attenzione sul ripristino della comunicazione tra le parti, la negoziazione assistita si concentra principalmente sulle pretese giuridiche in gioco: l’accordo eventualmente raggiunto rappresenta un compromesso basato sulle reciproche concessioni delle parti rispetto alle posizioni iniziali.

La risoluzione del conflitto intersoggettivo o il riavvicinamento personale delle parti sono aspetti che assumono uno scarso rilievo in questo contesto, in quanto l’istituto si basa prevalentemente su tecniche di negoziazione e considerazioni giuridiche.

Convenzione di negoziazione assistita

La procedura si basa su un atto scritto, la “convenzione di negoziazione assistita” (art. 2, d.l. 132/2014, conv. con mod. in l. 162/2014) che viene stipulato “con l’assistenza di uno o più avvocati iscritti all’albo”e impegna le parti a cooperare per risolvere amichevolmente la loro controversia.

Elemento fondamentale è proprio il ruolo assunto dagli avvocati: questo aspetto differisce dalla mediazione, dove la presenza dell’avvocato è obbligatoria solo in determinati casi.

Il ruolo dell’avvocato

Nella negoziazione assistita, invece, il ruolo dell’avvocato è rafforzato, e la convenzione di negoziazione assistita sottolinea la centralità dell’assistenza legale per giungere a una soluzione stragiudiziale della controversia.

Va infine notato che, in linea con l’obiettivo di promuovere l’utilizzo di questo strumento, sono stati previsti incentivi fiscali e agevolazioni.

Ad esempio, il decreto interministeriale del 30 marzo 2017 prevede incentivi fiscali per la negoziazione assistita e l’arbitrato di prosecuzione.

Inoltre, nei procedimenti di negoziazione assistita in materia di famiglia, non è dovuto il contributo unificato (Ministero della Giustizia, risposta della Direzione della giustizia civile di cui al Foglio Informativo n. 3/2018, provvedimento 14 giugno 2018).

Pertanto, questo metodo innovativo si propone di snellire le procedure, ridurre i tempi e i costi legali, adattare la soluzione delle dispute a ogni caso specifico, aprendo la strada a una nuova era di risoluzione delle controversie, più veloce, economica e su misura per le esigenze delle parti coinvolte.

Informazioni sui compensi

I compensi degli avvocati dello Studio Legale Solza non hanno una tariffa fissa, ma variano a seconda dell’attività legale che si rende necessaria.